CASE STUDY

Franke

Come gestire una supply chain estremamente complessa

Sfide

L'enorme crescita di Franke aveva dato origine a una supply chain molto complessa e non più efficiente. Le divisioni Kitchen Systems e Water Systems comprendevano 42 siti (di cui 12 centri produttivi) con quattro livelli differenti per servire 146 mercati con oltre 125.000 SKU (equivalenti a 1,4 milioni di SKU/mercato). L’azienda usava 17 sistemi ERP diversi, e i dati e i processi di pianificazione erano pure diversi. Franke aveva implementato SAP come database principale per tutti i siti con SAP come sistema ERP, ma i processi di previsione e pianificazione della domanda non erano integrati. Questo rappresentava un grande problema data la complessità della supply chain di Franke.

Risultati

Importante miglioramento della stabilità del processo di generazione del forecast Riduzione del tempo necessario per la previsione e la pianificazione della domanda (50%) Aumento dell’accuratezza del forecast (riduzione di 8 punti MAPE a livello dei materiali) Riduzione dei picchi stagionali di stock e del relativo effetto bullwhip

Franke

Franke è fornitore leader a livello mondiale di prodotti e soluzioni per cucine e bagni residenziali. L’azienda, fondata nel 1911 da Hermann Franke in una cittadina svizzera, si è trasformata da piccola impresa artigiana in un pioniere globale che oggi impiega circa 9000 persone in 40 paesi.

Il progetto e gli obiettivi

Il passo successivo del team Franke nella revisione della supply chain è stato quello di definire obiettivi di business globali per migliorare le prestazioni dei sistemi di previsione e pianificazione della domanda. A causa delle inefficienze dello strumento adottato fino allora, Franke cercava un software commerciale in grado di migliorare rapidamente i risultati delle previsioni in un contesto multi-livello, supportare l’ottimizzazione delle scorte e il riapprovvigionamento nelle location in cui SAP non era disponibile. E anche in grado di tenere conto dei vincoli di produzione di alto livello e dei vari calendari lungo la rete. Naturalmente, l’integrazione con SAP era un must assoluto.

Durante la fase di valutazione, il team dedicato alla supply chain aveva una lunga lista di strumenti da valutare. Franke ha scelto Service Optimizer 99+ (SO99+) di ToolsGroup per vari motivi, come spiega Enrico Casalino, Head of Logistics Planning & Engineering di Franke Kitchen Systems: “Abbiamo una rete molto complessa e solo due persone del team globale dedicate al progetto. A parte ToolsGroup, tutte le altre soluzioni richiedevano risorse doppie o triple rispetto a quelle a nostra disposizione. Nessuno in realtà pensava che sarebbe stato possibile gestire questa complessità con solo due persone”.

Anche le previsioni di vendita basate sulle probabilità, come proposto da ToolsGroup, hanno fatto una grande differenza. “Altri strumenti consentono solo di creare una previsione media e questo non era l’ideale dato il portafoglio di prodotti Franke tanto diversificato e complesso”, spiega Casalino. “Inoltre, le altre soluzioni richiedevano la selezione manuale di algoritmi diversi per compiti diversi. Questo sarebbe impossibile con le nostre 1,4 milioni di combinazioni SKU/mercato. Solo l’algoritmo di SO99+ decide automaticamente ciò che meglio si adatta alle nostre esigenze, e questo ha fatto davvero la differenza “.

Il Demand Collaboration Hub (DCH) di ToolsGroup è una piattaforma condivisa basata sul web che integra in un unico strumento i dati della domanda e delle previsioni provenienti da più fonti e consente alle diverse sedi di Franke di collaborare e partecipare al processo di pianificazione delle previsioni. Questa funzionalità è stata determinante sulla decisione di Franke. Il supporto professionale ricevuto da parte del team ToolsGroup durante la fase di valutazione e il fatto che la soluzione fosse economicamente competitiva sono stati ulteriori fattori che hanno portato alla decisione.

“ToolsGroup ha gestito il progetto estremamente bene”, afferma Casalino. “Abbiamo apprezzato l’approccio strutturato ma non complicato, l’apertura alla discussione, la documentazione adeguata e l’elevata professionalità e preparazione di tutti i membri del team.”

Siamo molto soddisfatti dell’implementazione del software ToolsGroup. È stato fantastico lavorare con loro, i consulenti hanno mostrato un elevato livello di competenza, sono sempre stati disponibili e hanno sempre trovato una soluzione per aiutarci a gestire la nostra supply chain altamente complessa.”

Giorno per giorno

Franke oggi usa SO99+ per la previsione e la pianificazione della domanda, l’ottimizzazione delle scorte multi-livello e i riapprovvigionamenti insieme a SAP ERP 6.0. A tale scopo, ToolsGroup ha allineato la logica di entrambi i sistemi, inclusa la definizione di un processo di convalida ed emissione dati.

Si potrebbe dire che per la previsione e la pianificazione della domanda il nostro sistema SAP è diventato uno slave con SO99+ come master”, spiega Casalino. “Tuttavia, in alcuni casi di pianificazione delle scorte e di riapprovvigionamento, funziona al contrario e la logica è definita in SAP.”

La prime previsioni sono state disponibili dopo soli tre mesi. A livello globale, due persone gestiscono il progetto: una dedica il 50 percento e l’altra il 70 percento del tempo. A livello locale, un team di 100 pianificatori all’interno dell’organizzazione collabora al processo di pianificazione e previsione della domanda tramite Demand Collaboration Hub (DCH) di ToolsGroup.

In questo processo, SO99+ fornisce la previsione di base a DCH. Gli utenti DCH di Franke lavorano in parallelo per aggiungere al processo di previsione le loro conoscenze di mercato. DCH genera quindi statistiche che ponderano diverse fonti di dati in base al livello di accuratezza che apportano. Le fonti che storicamente contribuiscono all’elevata accuratezza delle previsioni hanno un peso maggiore e viceversa.

“L’approccio fornito dalla funzionalità DCH di ToolsGroup ci offre un livello di visibilità sul processo di pianificazione e previsione impossibile con il nostro vecchio strumento”, afferma Casalino. “I team locali possono contribuire con il proprio know-how di mercato, ma il controllo e l’approvazione finale rimangono a carico del team globale”.

Risultati 

L’integrazione di SO99+ con SAP è stata molto positiva per Franke. Soprattutto, ha confermato che Franke è stata in grado di raggiungere gli obiettivi previsionali stabiliti all’inizio del progetto. La società riceve previsioni affidabili da tutti i suoi mercati, è in grado di distribuire il forecast in modo efficiente tramite DCH attraverso due livelli, ed è ora fiduciosa di migliorare significativamente l’ottimizzazione e il rifornimento delle scorte:

  • Importante miglioramento della stabilità del processo di generazione delle previsioni di vendita
  • Riduzione del tempo necessario per la previsione e la pianificazione della domanda (50%)
  • Aumento dell’accuratezza del forecast (riduzione di 8 punti MAPE a livello dei materiali)
  • Riduzione dei picchi stagionali di stock e del relativo effetto bullwhip

“Siamo molto soddisfatti dell’implementazione di ToolsGroup”, conclude Casalino. “È stato fantastico lavorare con loro, i consulenti hanno mostrato un elevato livello di competenza, sono sempre stati disponibili e hanno sempre trovato una soluzione per aiutarci a gestire la nostra supply chain altamente complessa.”

Il suo collega, Christian Spitz, responsabile della pianificazione della domanda presso Franke Kitchen Systems, aggiunge: “Lavorare con il team ToolsGroup è stata un’esperienza estremamente positiva. Siamo stati in grado di trovare soluzioni semplici basate su discussioni oneste e aperte. Siamo contenti dei nostri miglioramenti e non vediamo l’ora di proseguire il nostro percorso con ToolsGroup e SO99+”.

↓ Scarica il PDF