La complessità del business aumenta, trainata dal marketing multicanale, la crescente influenza dell’attività di Demand Shaping (media, promozioni, introduzione di nuovi prodotti…), e l’impatto degli acquisti online. La maggior parte delle aziende purtroppo, circondate da una vera e propria esplosione di dati preziosi, non è in grado di trarne vantaggio, e si affida a metodi di previsione basati su pesanti algoritmi e uno storico di vendita aggregato.

Sistemi di questo tipo non sono in grado di identificare facilmente il segnale di domanda e non risolvono il difficile problema di misurare l’impatto di influssi esterni sulle previsioni baseline. Generano risultati poco affidabili, errori di previsione significativi, mentre la necessità di frequenti interventi manuali determina una produttività limitata del pianificatore.

La buona notizia è che un approccio data-driven, supportato da un software più intelligente, è già disponibile, e ha dimostrato di migliorare notevolmente non solo l’accuratezza del forecast, ma anche la visibilità della domanda e il livello di dettaglio delle previsioni. Tali miglioramenti si traducono direttamente in un aumento del livello di servizio e dell’efficienza delle scorte, soprattutto per articoli con andamento a “coda lunga”. Potrete contare non solo su previsioni della domanda più accurate, ma su una pianificazione migliore.

Nella sua soluzione per la previsione della domanda ToolsGroup integra una tecnologia che risolve i problemi che i pianificatori devono affrontare ogni giorno. Invece di scegliere la migliore approssimazione, sfruttiamo un accuratissimo algoritmo di previsione della domanda autoadattativo che genera una previsione baseline affidabile. Questa può essere affinata applicando una tecnologia di machine learning che identifica l’effetto di stimoli e indicatori di domanda a livello di canale. Questo processo di “modellazione della domanda” prende in analisi tutte le variabili rilevanti e le complesse relazioni tra esse in maniera altamente automatizzata.